TUTTA LA NOTTE I CANI HANNO ABBAIATO © Anne Sibireff - Pougbila

TUTTA LA NOTTE I CANI HANNO ABBAIATO

  • Teatro Argentina
  • giovedì 24 Novembre 2022
  • ore 21

Opera da camera in prima assoluta di Federica Volante *
su testo di Sandro Cappelletto
Virginia Guidi mezzosoprano

Angela Favella voce recitante
Mimma Campanale direttrice

Imago Sonora Ensemble
Alice Cortegiani
clarinetto
Silvia Gira 
violoncello
Andrea Pennacchi
fisarmonica
Fabio Cuozzo
percussioni

EVO Ensemble 
Norma Sereni 
soprano
Cinzia D'Anella contralto
Edoardo De Vincentiis tenore
Emanuele Gizzi baritono

In apertura di concerto
Trio Hèrmes
Ginevra Bassetti
violino Francesca Giglio violoncello Marianna Pulsoni pianoforte
Fanny Mendelssohn
Trio per pianoforte, violino e violoncello in re minore op. 11

Una serata che racconta di ingiustizie di genere e di conquiste di autonomia. In occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne, una nuova produzione della Filarmonica Romana, commissionata alla giovane compositrice Federica Volante e introdotta da un Trio di giovani musiciste chiamate a interpretare la musica di Fanny Mendelssohn.

In lingua moré, parlata dall’etnia Mossi in Burkina Faso, il nome Pougbila significa “la mia piccola donna”. In verità, una donna invincibile.  Il racconto che troverà nuova vita in musica grazie alla sensibilità di Federica Volante nasce da un fatto realmente accaduto, da una realtà ancora diffusa in molti paesi.

Una donna, la madre di Pougbila, ritenuta responsabile di un’epidemia che colpisce i bambini del loro villaggio, viene accusata di stregoneria e allontanata dalla comunità senza cibo, senza acqua. È una condanna a morte, appena mascherata. Pougbila sa come sono andate  davvero le cose, in famiglia; sa quali siano le intenzioni di suo padre verso, contro di lei. L’assenza della madre avrebbe tolto l’ultimo ostacolo. Ma come ottenere giustizia quando si ritrova da sola contro le consuetudini, le convenzioni che sembrano immutabili, la decisione presa dalla comunità degli anziani del villaggio dove è nata?

Lei non crede agli idoli, intende strappare il velo delle false verità, inventate per opprimere. Non ha timore, vuole prima salvare sua madre e poi raccontare e condividere quanto più è possibile la sua vicenda. Sola, inizia a camminare, chilometri e chilometri, inseguendo una speranza: che la madre abbia trovato rifugio in una delle “case del rifugio”, create per offrire ospitalità alle tante donne accusate  di stregoneria. Emarginate, oppresse, sole, private di qualsiasi diritto di difesa, di parola. Ma Pougbila è invincibile.

 

l'opera è in forma di concerto

Durata del concerto 1 ora e 10 minuti ca


BIGLIETTI