La sede

Via Flaminia 118 - La Casina Vagnuzzi

A cinque minuti da piazza del Popolo, uno scrigno di verde, di musica, d’arte. La Filarmonica Romana ha sede da più di mezzo secolo nella Casina Vagnuzzi, storico edificio il cui nucleo risale al Cinquecento e la cui veste attuale, di eleganza neoclassica, è dovuta prima a Giuseppe Valadier e poi a Luigi Canina. L’importanza storico-culturale e la piacevolezza dell’insieme sono state sancite dal Fondo per l’Ambiente italiano, che ha inserito la sede della Filarmonica nei «luoghi del cuore» e l’ha aperta al pubblico (con visite guidate) nel corso delle giornate FAI di primavera. L’edificio faceva parte del grande complesso dei possedimenti di papa Giulio III appena fuori dalla Porta del Popolo, di cui è testimonianza l’adiacente Villa Giulia. Fu poi possedimento di Stanislao Poniatowski, erede del trono di Polonia, prima di passare a Luigi Vagnuzzi di cui tuttora serba il nome. Nella casina (che comprende alcune sale splendidamente affrescate e in cui sono conservate le memorie della storia della Filarmonica Romana dal 1821 a oggi) trovano posto gli uffici dell’istituzione e la Biblioteca; l’edificio prospetta sui vasti Giardini, popolati da numerose piante sia comuni che rare, luogo in cui si svolge la stagione estiva della Filarmonica Romana. Dal 2012 grazie alla Provincia di Roma l’area è dotata di Wi-Fi.