MIMATI

  • Sala Casella
  • venerdì 20 Marzo 2020
  • ore 20.30

Informiamo il gentile pubblico che il concerto del 20 marzo è stato annullato.

In ottemperanza del decreto legge 17 marzo 2020 n. 18:

i soggetti acquirenti dello spettacolo con un biglietto cartaceo, dovranno presentare entro il 19 aprile, apposita istanza di rimborso all’Accademia Filarmonica Romana, allegando il relativo titolo d’acquisto. Accademia Filarmonica Romana entro trenta giorni dalla presentazione della istanza di cui al primo periodo provvederà all’emissione di un voucher di pari importo al titolo di acquisto, da utilizzare entro un anno dall’emissione.

 

Scarica l’istanza di rimborso cliccando qui

 

i soggetti acquirenti dello spettacolo con un biglietto on-line tramite il sistema VIVATICKET, dovranno presentare  apposita istanza di rimborso con voucher tramite il sistema stesso. Accademia Filarmonica Romana garantisce a tutti gli acquirenti la possibilità di ottenere il voucher, ma  non è responsabile per i ritardi di comunicazione e di adempimento del sistema VIVATICKET.

 

L'Accademia Filarmonica Romana sta individuando una possibile data per riprogrammare il concerto entro la fine del 2020. Ogni ulteriore aggiornamento verrà pubblicato su questo sito oppure tramite i canali social di Accademia Filarmonica Romana.

 
 
 
 
"Musica e Letteratura"
MIMATI.
Dal primo suono alla parola.
Dal mito alla fondazione del mondo.
 
 
Raffaella Misiti voce
Emiliano Begni pianoforte
Ermanno Dodaro contrabbasso
 
letture
Elisa Lombardi
Livia Saccucci
Marco Paparella
Vincenzo De Luca
 
in collaborazione con l'Associazione Fabrica
 
 

Mimati è l'etimologia di mito. Mimati in sanscrito vuol dire emettere suono. Mimati è suono per comunicare, suono per cantare, suono per esistere. Tra musica popolare e ragtime, tra ninna nanne, serenate e requiem, suoni primordiali e minimi e melodie, tra parole intraducibili, parole senza traduzione, che viaggiano per tutto il mondo e diventano un vocabolario universale che ci ricorda che siamo parte di un tutto, un universo che si fonda ogni giorno, con la nostra esistenza, con il nostro operato, col nostro creare ed inventare quotidianamente lo stesso percorso, sempre uguale, sempre diverso, da millenni. Un percorso per rifondare insieme, quotidianamente, singolarmente il mondo in cui viviamo, attraverso nascite, amori, relazioni, conflitti, crescite, presenze e assenze. Con una parola, una canzone, un suono. Un suono come Mimati.