CHOPIN E...

  • SALA CASELLA
  • da domenica 17 Novembre 2019
  • a domenica 29 Marzo 2020

 

17 novembre 2019 ore 17.30


CHOPIN E… RACHMANINOV

Stefano Andreatta pianoforte

CHOPIN
Sonata n. 2 op. 35

RACHMANINOV
2 Etudes-Tableaux dall’op. 33
Sonata n. 2 op. 36 (vers. 1931)

 

Acquista ora

______________________________________


15 dicembre 2019 ore 17.30


CHOPIN E… LA SPAGNA

Axel Trolese pianoforte

ALBENIZ
Iberia, deuxième cahier


DE FALLA
Fantasia Baetica


CHOPIN
Sonata n. 3 op. 58

 

Acquista ora

______________________________________


2 febbraio 2020 ore 17.30


CHOPIN E… BRAHMS

Ludovica Rana violoncello
Maddalena Giacopuzzi pianoforte

CHOPIN
Sonata per vc e pf op. 65
Introduzione e Polacca brillante per vc e pf op. 3

BRAHMS
Sonata n. 2 op. 99

 

Acquista ora

______________________________________


1 marzo 2020 ore 17.30


CHOPIN E… MENDELSSOHN

Trio Kanon

Lena Yokoyama violino
Alessandro Copia violoncello  
Diego Maccagnola pianoforte

CHOPIN
Trio in sol minore op. 8

MENDELSSOHN
Trio in do minore n. 2 op. 66

 

Acquista ora

______________________________________


29 marzo 2020 ore 17.30


CHOPIN E… BACH

Andrea Napoleoni pianoforte

BACH
Suite francese n. 6 BWV 817
Suite inglese n. 6 BWV 811

CHOPIN
Polonaise op. 44
Polonaise-Fantaisie op. 61

 

Acquista ora

 

in collaborazione con Accademia Nazionale di Santa Cecilia

 

 

La musica pianistica conosce nel primo Ottocento uno straordinario sviluppo: complice la disponibilità di sempre più raffinati strumenti. Gli autori esplorano la tastiera nelle sue inedite possibilità, costituendo in pochi decenni un eccezionale patrimonio musicale nel quale l’evoluzione del linguaggio strumentale si accompagna alla profondità di una potente espressione poetica. La figura di Fryderyk Chopin incarna questa rivoluzione espressiva, che risulta inscindibile dalla materia strumentale da cui sorge: il pianoforte assume un ruolo di assoluta preminenza nella famiglia degli strumenti musicali e il suo repertorio si amplia a dismisura, con una serie di composizioni che costituiscono tutt’oggi un banco di prova ineludibile per gli interpreti.

Proseguendo una collaudata collaborazione con l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia, alcuni talentuosi musicisti che stanno completando la loro preparazione nei Corsi di Alto Perfezionamento tenuti da Benedetto Lupo per il pianoforte e da Giovanni Sollima per il violoncello (cui si aggiunge un concerto con il Trio Kanon), animeranno la Sala Casella esplorando il repertorio, pianistico e da camera, di Chopin.

Il ciclo Chopin e… – alla sua seconda edizione - prende il via dunque il 17 novembre e accosterà la musica del musicista polacco ad altri cinque autori, scelti tra coloro che hanno dedicato al pianoforte una formidabile stagione creativa, che per Chopin sono stati fonte di ispirazione o al contrario che da Chopin sono stati ispirati. A cavallo tra Otto e Novecento chi ha fatto del pianoforte il nucleo della sua attività compositiva, proprio partendo dalla lezione chopiniana, è stato ad esempio Sergej Rachmaninov. La tradizione spagnola, ancora a cavallo fra i due secoli, sarà rappresentata con lavori di Isaac Albéniz e Manuel de Falla. L’epoca romantica dal quasi coetaneo Felix Mendelssohn e dal più tardo e ‘classico’ Johannes Brahms. Infine il confronto con il genio di Johann Sebastian Bach di cui sappiamo Chopin aveva studiato con profonda dedizione il suo Clavicembalo ben temperato.

 

 

Altro in questa categoria: « MOMIX - Alice SONICS - Duum »