L'ACCADEMIA BIZANTINA e L'ARTE DELLA FUGA

  • TEATRO ARGENTINA
  • giovedì 17 Gennaio 2019
  • ORE 21
 
Alessandro Tampieri violino
Ana Liz Ojeda violino
Diego Mecca viola
Mauro Valli violoncello
Stefano Demicheli organo
Ottavio Dantone clavicembalo e direzione
 
Johann Sebastian BACH
Die Kunst der Fuge (L’arte della fuga)
BWV 1080
 

Una delle formazioni più accreditate da oltre trent’anni nel panorama internazionale della musica antica e barocca e uno dei monumenti della storia della musica, capolavoro di tutti i tempi: con l’Accademia Bizantina diretta da Ottavio Dantone e L’arte della fuga di Bach si inaugura la stagione concertistica, la n. 198, dell’Accademia Filarmonica Romana. L’appuntamento è al Teatro Argentina, dove l’ensemble di Ravenna eseguirà la sua personale lettura dell’opera bachiana.

Le ultime composizioni scritte da Bach furono Das musikalische Opfer (L’offerta musicale) BWV 1079 e Die Kunst der Fuge (L’arte della fuga) BWV 1080, quest’ultima rimasta incompiuta per il sopraggiungere della morte. Composta tra il 1745 e il 1750 su un unico tema e senza indicazioni di strumenti, comprende, per la parte ritenuta autentica, tredici Contrapuncti, due Fughe e quattro Canoni, costituenti il culmine di virtuosismo polifonico nelle sue forme musicali più alte. Proprio per la sua incompiutezza, L’arte della fuga è stata sottoposta da musicologi ed esecutori a varie rielaborazioni, offrendo una chiave di lettura diversa, ma sempre ugualmente significativa, grazie proprio alla scrittura bachiana.

La lettura che ne dà l’Accademia Bizantina, formazione che da 35 anni è specializzata nel repertorio musicale del XVII, XVIII e XIX secolo suonando su strumenti originali, è in una formazione a sei (da un anno disponibile anche in un prezioso CD Decca, registrato nel Teatro Goldoni di Bagnacavallo). Oltre a Dantone (cembalo e direzione), vede coinvolti Alessandro Tampieri e Ana Liz Ojeda (violini), Diego Mecca (viola), Mauro Valli (violoncello) e Stefano Demicheli (organo).

Dato per scontato che la struttura speculativa rappresenta un concetto immanente, ovvero insito nella fuga, ciò che va messo in luce il più possibile ‒ ha dichiarato Dantone in una recente intervista ‒ è proprio l’abilità del compositore di rendere bello e comunicativo ciò che ha origine dall’autocontrollo costrittivo della scrittura”. E prosegue: “Non cercare tra le maglie dei contrappunti i sublimi piaceri, le dolci emozioni che nascondono, significa in parte mortificare e non rendere giustizia all’immane lavoro di Bach, inarrivabile sintesi tra arte e scienza, intensità espressiva ed intelletto”.

ACQUISTA ORA

ACCADEMIA FILARMONICA ROMANA