PAESAGGIO SONORO Credit: Andrew Caulfield

PAESAGGIO SONORO

  • SALA CASELLA
  • martedì 27 Novembre 2018
  • ore 20.30
    ore 11.00 concerto per le scuole
 
PAESAGGIO SONORO
 
La terza edizione del progetto Paesaggio sonoro, pur confermando gli obiettivi generali delle prime due edizioni, ne sviluppa le istanze emerse in corso d’opera puntando ad un miglioramento significativo nella proposizione delle sue tematiche fondamentali all’attenzione di Istituzioni scolastici e di ricerca. L’idea da cui si sviluppa il progetto è quella di un percorso formativo basato sull’apertura di un dialogo fra persone di diverse generazioni, coinvolte nella musica in misura diversa. Obiettivo ideale del progetto è quello di contribuire alla costruzione di un’idea condivisa della musica da parte di chi ne fruisce e da parte di chi la produce.
 
L’approccio coinvolge di conseguenza scuole di diverso ordine in cui lo studio della musica è trattato con diversa importanza. Quindi, il conservatorio e l’università, che formano musicisti professionisti, i licei musicali, che preparano al conservatorio, i licei e la scuola media inferiore, che impartiscono un’educazione musicale di tipo generale, trovano posto nel progetto e vi partecipano pienamente secondo le rispettive specificità. L’attività musicale e scientifico/tecnica su cui si basa l’intero percorso è costituita dalla diffusione e approfondimento dei diversi aspetti di ricerca teorica e di prassi realizzativa della musica elettroacustica in relazione alla tematica del “paesaggio sonoro”. Seguendo le prospettive aperte dalla “ecologia sonora”, il suono diviene un importante mezzo per conoscere e valutare l’ambiente: i suoni, che dall’ambiente provengono, possono divenire materiale creativo, che consente all’uomo di instaurare un rapporto profondo con uno specifico luogo e rappresentarlo in senso artistico-musicale.
 
La terza edizione prevede la sperimentazione di un approccio didattico più organico, che lasci intatta la libertà espressiva, ma aiuti la costruzione di basi più solide approfondendo principi essenziali della composizione musicale. Si tratta di un problema di vaste proporzioni, cui speriamo di poter dare un contributo significativo. Il progetto, quindi, prevede un ampio percorso formativo e produttivo che si concluderà con lo svolgimento di una manifestazione pubblica da tenersi presso la sede dell’Accademia Filarmonica Romana. Tale manifestazione coinvolgerà da un lato, studenti degli Istituti di formazione musicale professionale e dall’altro, studenti della Scuola Media inferiore e superiore, mettendoli in contatto fra loro e in reciproca interazione nelle diverse funzioni di fruitore e produttore.
 
da un’ idea di:
Giorgio Nottoli e Giovanni Costantini
 
progetto a cura di:
Giuseppe Silvi e Massimo Massimi
 
con la partecipazione di:
Gianni Trovalusci flauto
 
Elena D'Alò En train d’arriver (2018), acusmatico *
Francesco Ziello Nonscape (2018), acusmatico *
Giorgio Nottoli Trama lucente (2015), flauto e suoni elettronici
Nicoletta Andreuccetti Notturno sole (2018), flauto amplificato e spazializzazione multicanale
Eugenia Cortese Perduta Mente (2018), acusmatico *
Matteo Cavallo Frammenti di Tempo (2018), acusmatico *
Claudia Rinaldi substantia (2018), acusmatico *
Giovanni Costantini Il battito del respiro (2014), flauto e suoni elettronici
Simone Cardini Amber Sapwood (2018), flauto contralto e live electronics**
 
prima esecuzione assoluta *
prima esecuzione europea **

ACQUISTA ORA

 ACCADEMIA FILARMONICA ROMANA
Tel. 06 320 17 52 ⠂ Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.