HISTOIRE DU SOLDAT

  • TEATRO ARGENTINA
  • giovedì 08 Marzo 2018
  • ore 21

HISTOIRE DU SOLDAT
Adieux à la guerre
 
Peppe Servillo voce narrante
Ensemble Roma Sinfonietta
Fabio Maestri direttore
 
 
Igor Stravinskij
Tre pezzi per clarinetto solo
 
Goffredo Petrassi
Elogio per un’ombra (1971)
per violino
 
Marcello Panni
La terra del rimorso (2014)
per sette strumenti
 
Igor Stravinskij
Histoire du soldat
opera da camera in un atto su testo di Charles-Ferdinand Ramuz
 
 

 

Peppe Servillo, storico leader degli Avion Travel, non nuovo alle incursioni nella musica del Novecento ‘colta’ e di autori di musica contemporanea dei nostri giorni, sarà la voce narrante di una delle più celebri partiture di Igor Stravinskij, compositore di cui piace ricordare il suo legame con la Filarmonica che negli anni ‘60 venne da lui scelta come “casa” romana. Nel ‘66 venne infatti rappresentato proprio l’Histoire con le scene e i costumi di Giacomo Manzù e le coreografie di Maurice Béjart.

Nel 1918, durante la Grande Guerra, il trentaseienne Stravinskij mette in musica con ironia e scetticismo Histoire du soldat, una fiaba russa tratta dalla celebre raccolta di Afanas'ev, con protagonista il diavolo che ruba il violino e l'anima a un povero soldato. È una serie di pezzi brevi e brevissimi, per lo più di carattere brillante, come marce, valzer, tango e ragtime. Sette strumenti bastano a Stravinskij per ottenere una timbrica asciutta ma varia e contrastata.

Il programma, che sarà eseguito da Roma Sinfonietta diretta da Fabio Maestri, si completa con i Tre pezzi per clarinetto di Stravinskij, un pezzo per violino solo del 1971 di Goffredo Petrassi (Elogio per un’ombra), e La terra del rimorso di Marcello Panni un omaggio al libro di Ernesto De Martino, che prende spunto dai brani della tradizione musicale salentina e composto per lo stesso organico dell’Histoire stravinskijano.

 
 
Altro in questa categoria: « SOL GABETTA FOCUS BAUDELAIRE »